dgNet

 

Le imprese usano i social media?

Facebook, Twitter e LinkedIn. Le imprese usano i social media?


Nel 2017, in Europa, li ha utilizzati un’impresa su due. Sì, i social media non sono più soltanto uno spazio per condividere ricordi, foto e meme. Ma anche uno strumento importante per le aziende, vuoi come veicolo pubblicitario, vuoi per posizionare il proprio brand. E così, certifica Eurostat, nel 2017 il 47% delle aziende europee ha usato almeno un social media.

 

Come detto, una su due. E il dato è in crescita, se si pensa che nel solo 2013 ad avere una pagina social era soltanto il 36%, ovvero un’azienda su tre. Certo, non tutte le piattaforme sono adatte a tutti i tipi di imprese. E infatti le più utilizzate sono i social network, quelli cioè che consentono di costruire una rete. Il riferimento è a realtà come Facebook o LinkedIn. Lo scorso anno le ha utilizzate il 45% delle aziende europee.


Ben più limitato l’utilizzo di piattaforme per la condivisione di file multimediali, che siano YouTube, SlideShare o Flickr. E lo stesso vale per i siti di blogging o microblogging, come Twitter e Present.ly. Nel primo caso l’uso ha riguardato nel 2017 il 16% delle aziende, nel secondo il 14%.


E l’Italia?


Il 44% delle aziende italiane è presente sui social network.

 

In Italia i social network dominano la classifica. Strumenti come Facebook, ma certamente anche LinkedIn, sono stati impiegati lo scorso anno dal 42% delle aziende. Un po’ come avviene in Europa, quasi tutte le aziende presenti sui social hanno un account su una piattaforma che consente di connettersi con le persone. Siano esse clienti, è il caso di Facebook, o potenziali collaboratori, come avviene su LinkedIn.


Solo un’azienda italiana su sei ha utilizzato piattaforme per condividere video, foto o presentazioni. Mentre appena una su otto cinguetta. Se però l’utilizzo di YouTube e realtà analoghe è in crescita, è passato dal 10% del 2013 al 16% dello scorso anno, Twitter e simili non riescono a sfondare. Negli ultimi tre anni la quota di aziende che utilizzano i siti di blogging è rimasta fissa all’8%.

 

Ovviamente i dati di Eurostat non spiegano perché le aziende preferiscano un tipo di piattaforma alle altre. Certamente incidono i numeri degli utenti: più di 30 milioni gli italiani su Facebook, solo 7 quelli presenti su Twitter. Se l’obiettivo è quello di usare i social come veicolo pubblicitario, appare naturale scegliere quello che offre la platea più grande. Che poi sia anche la strategia migliore, questa è una domanda da girare ai social media manager.

Tratto dal Sole 24 Ore

Seguici su

Dgnews in evidenza

Contattaci per un preventivo gratuito